martedì 29 novembre 2011

la bambola figlia di un calzino

Simona, doveva chiamarsi, Ma ahimè simona è una compagnetta di sarah e sarah non poteva sopportare un simile affronto. E così la chiamammo saretta.
Saretta nacque in una sera d'autunno, che autunno non sembra, perchè in quel di Palermo abbiamo ancora 20°.
Saretta è un'orfana, abbandonata anche dal suo gemello, che chissà forse si è perso nei giardini condominiali o forse in uno di quei millemila sacchetti dove l'ordinatissima mammadifretta mette i calzini spaiati.
Di fatto il gemello di saretta è un calzino. Poi la fervida immaginazione di lababo come una luce illuminò il pomeriggio di mammadifretta e quel calzino prese forma e diventò bambola. E diventò amica . E tra un miagolio e l'altro tra colla, ago, filo, lana e pannolenci...e spugna dei piatti (poteva mancare?)come pinocchio ebbe un'anima. Ora vaga tra una mensola e l'altra portando gioia e diventando parte della vita di famiglia di fretta.



4 commenti:

  1. Ma dai è bellissima!

    RispondiElimina
  2. che spettacolo la Saretta! con i capelli lunghi addirittura e il vestito rosso natalizio. Ma lo vedi che sei brava???? basta provarci! la spugna per i piatti potrebbe essere il tuo segno distintivo ;)
    condivido e do notizia

    RispondiElimina
  3. Ma che bella! E tu sei quella che dici che non sei creativa... Io la mia Simonetta devo ancora farla! Se vado avanti di questo passo sarò l'ultima a postare la mia creazione!

    RispondiElimina
  4. grazie a tutte per i complimenti!@pollon72 sbrigati!!!

    RispondiElimina

il tuo commento mi regala un sorriso

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...