venerdì 9 luglio 2010

I VENERDI DEL LIBRO: ancora un classico



Lentamente fioriva, lentamente maturava in Siddharta il
riconoscimento, la consapevolezza di ciò che realmente sia saggezza,
qual fosse la meta del suo lungo cercare. Non era nient’altro che una
disposizione dell’anima, una capacità, un’arte segreta di pensare in
qualunque istante, nel bel mezzo della vita, il pensiero dell’unità,
sentire l’unità e per così dire respirarla.

Tutto insieme era il fiume del divenire, era la musica della vita.

 E se Siddharta ascoltava attentamente questo fiume, questo canto dalle mille
voci, se non porgeva ascolto né al dolore né al riso, se non legava la
propria anima a una di quelle voci e se non s’impersonava in essa col
proprio Io, ma tutte le udiva, percepiva il Tutto, l’Unità, e allora il
grande canto delle mille voci consisteva di un’unica parola, e questa
parola era l’Om: la perfezione.


SIDDHARTA-Herman Hesse

ASSOLUTAMENTE DA LEGGERE
http://www.homemademamma.com/ 
http://natixdelinquere.blogspot.com/
http://mammachetesta.blogspot.com/
mamma claudia

6 commenti:

  1. Un libro da leggere assolutamente!! :-) Però sono di parte: adoro Hesse.
    Bacioni

    RispondiElimina
  2. Questo l'ho letto, davvero bello!

    RispondiElimina
  3. letto, riletto, straletto.. Bello, anche se forse non il suo migliore.. Hesse però quando scrive mi irretisce, non riesco a staccarmi dal libro..

    RispondiElimina
  4. e sì...io sono in continua ricerca spirituale e questo tipo di romanzi...mi ammalia!!!

    RispondiElimina
  5. l'ho letto più di dieci anni fa...ora non sarebbe affatto il mio genere, ma all'epoca l'ho adorato!

    RispondiElimina
  6. @polly..pure io l'ho letto una decina di anni fa...;)

    RispondiElimina

il tuo commento mi regala un sorriso

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...